Home Nati per la musica
Esempio di aspetto di una sezione blog (sezione FAQ)
Nati per la musica PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 25 Aprile 2008 18:14

Nati per la musica è un progetto promosso dall'Associazione Culturale Pediatri e dal Centro per la Salute del bambino e dalla Società Italiana per l'Educazione Musicale per avvicinare i bambini alla musica sin dal grembo materno.
La musica infatti svolge un ruolo fondamentale nello sviluppo globale dell'individuo perché  agisce sugli stati d'animo più profondi e sulle emozioni, è nutrimento della mente e dello spirito, ma anche divertimento, gioco, stimolo per sviluppare le potenzialità espressive e creative della persona.
Quando la musica è presente nella vita quotidiana si impara a cantare così come si impara a parlare.
Un ambiente musicalmente stimolante, dove i genitori propongono al bambino di giocare con la voce e con i suoni, rafforza il legame affettivo all'interno della famiglia ed è terreno favorevole nel quale si possono sviluppare le esperienze musicali successive.
La musica non deve essere privilegio di pochi, ma diventare patrimonio di  tutti.

Durante la gravidanza Si consiglia alla gestante di cantare tutti i giorni, in particolare dal 6° mese. Una volta venuto al mondo, il bimbo è in grado di riconoscere le melodie ascoltate quando ancora si trovava nel grembo materno, traendo dall'interazione con la mamma che canta benefici effetti rassicuranti.

Un ambiente sonoro ecologico
Limitare la presenza dei rumori di fondo nelle case crea condizioni di  benessere acustico che rendono più piacevole l'ascolto e la produzione di suono.

L'esplorazione sonora dei bambini
Fin dai primi mesi è importante offrire oggetti che producono suoni interessanti e prestare attenzione ai giochi musicali dei bambini, ascoltando e valorizzando le loro scoperte sonore.

La voce per giocare a cantare insieme
Le prime forme di canto si costruiscono giocando a ripetere e a variare intonazione e ritmo delle vocalizzazioni infantili.
Man mano che il bimbo cresce, si verrà via via costruendo un repertorio di canzoni e filastrocche, anche abbinate a gesti e giochi di movimento.

Situazioni di ascolto condiviso
Nei primi mesi l'ascolto insieme al bambino di canzoncine, ninne nanne, filastrocche rende più piacevoli i momenti significativi della sua giornata (il cambio, il sonno, la pappa).
Quando è più grande, è importante che il bambino partecipi in modo attivo all'ascolto della musica (cantando, battendo le mani a tempo, ripetendo, memorizzando ecc.).

QACP 2007;14 (2): 7

Ultimo aggiornamento Venerdì 25 Aprile 2008 18:30