Home Vomito
Vomito PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 05 Maggio 2008 22:33

Il vomito occasionale non deve preoccupare, generalmente è associato a una malattia acuta (es. influenza, faringite, otite, gastroenterite), e si risolve spontaneamente quando l'infezione guarisce. In genere non è necessario utilizzare farmaci. È essenziale evitare la perdita di liquidi (disidratazione) quindi è importante che il bambino beva spesso, a piccoli sorsi (un cucchiaio ogni 5 minuti), senza forzarlo. Se vuole il bambino può mangiare, in piccole quantità (meglio i cibi semiliquidi e non caldi). Se il bambino è allattato al seno si deve proseguire l'allattamento. Lo stesso vale per i lattanti che assumono latte artificiale. Solo in rari casi può essere necessario impiegare farmaci che però possono avere effetti collaterali e la cui prescrizione quindi spetta al pediatra. Se il vomito si presenta in un lattante o compare dopo un trauma alla testa è necessaria una valutazione da parte del pediatra.
Il  vomito ricorrente (durata 3-4 giorni con scomparsa e ricomparsa) nei bambini 2-8 anni di età può essere un sintomo dell'acetone: in alcune situazioni (es. febbre) il bambino si alimenta poco e l'organismo, non avendo più zuccheri a disposizione, è costretto a "bruciare" i grassi producendo prodotti di scarto (chiamati corpi chetonici) che vengono eliminati nelle urine e attraverso i polmoni: queste sostanze danno all'alito e alle urine il caratteristico odore di frutta (troppo) matura, di "acetone".
Trattamento: far bere spesso piccole quantità di bevande molto zuccherate (tè, tisane, succhi di frutta, bibite dolci "sgasate" agitandole energicamente); se possibile, dare piccoli pasti (privi di grassi) a tempi ravvicinati.
Anche per quanto riguarda la diarrea (feci liquide, scariche frequenti) non è necessario usare farmaci. È essenziale ripristinare i liquidi per evitare la disidratazione; bisogna far bere molto: dare spesso piccole quantità di liquidi (acqua, succo di frutta, soluzioni reidratanti orali). I bambini di età inferiore ai 6 mesi sono a maggior rischio di disidratazione; è particolarmente importante somministrare liquidi (utilizzare le soluzioni reidratanti orali) e continuare ad allattarlo al seno. Lo stesso vale per i lattanti che assumono latte artificiale. Anche il bambino più grandicello se vuole, può mangiare, di tutto. Lavate (e fate lavare) spesso le mani per evitare che l'infezione si trasmetta ad altri. Consultate il medico se il bambino: - ha meno di 6 mesi - appare pallido, urina poco e ha gli occhi infossati - ha febbre e/o vomita da più di 24 ore - c' è sangue nelle feci.I fermenti lattici sono molto utilizzati e possono essere utili per ridurre la durata della diarrea, ma il loro beneficio è modesto.

Da "Lo sai mamma"     www.marionegri.it

Ultimo aggiornamento Lunedì 05 Maggio 2008 22:44